• DSC 0394 2-900
  • DSC 0385 2 2-900

    Liceo Blaise Pascal

  • DSC 0376 2-900

    Liceo Blaise Pascal

  • DSC 0320 2-900

    Liceo Blaise Pascal

  • DSC 0251-900

    Liceo Blaise Pascal

  • DSC 0031 2-900

    Liceo Blaise Pascal

  • DSC 0030-900

    Liceo Blaise Pascal

  • DSC 0028-900

    Liceo Blaise Pascal

  • DSC 0019-900

    Liceo Blaise Pascal

  • DSC 0005-900

    Liceo Blaise Pascal

Attribuzione credito scolastico

Criteri di attribuzione del credito scolastico

L'attribuzione del credito scolastico nelle classi terze, quarte e quinte avverrà tenendo conto dei seguenti criteri:

  1. individuazione della banda di oscillazione in base alla media dei voti;
  2. collocazione della media nella fascia alta (decimale tra 0,5 e 0,9)
  3. in assenza del punto 2 e, a giudizio insindacabile del CdC, verificarsi di almeno 3 delle seguenti condizioni:
  1. partecipazione responsabile ad attività istituzionali della vita scolastica, quale rappresentante di classe e/o di istituto;
  2. partecipazione attiva a concorsi organizzati da enti esterni;
  3. partecipazione attiva ai progetti o frequenza di insegnamenti opzionali, rientranti nell’ampliamento dell’offerta formativa (compreso il gruppo sportivo) del PTOF con frequenza di almeno ¾ delle lezioni/incontri e partecipazioni a specifiche attività/iniziative formative attestate dai responsabili di progetto;
  4. partecipazione a I.R.C o attività alternative con profitto almeno “distinto”;
  5. eventuali crediti formativi;
  6. valutazione eccellente degli esiti delle attività di alternanza scuola lavoro e della loro ricaduta sugli apprendimenti disciplinari e sul voto di condotta, sulla base della certificazione di competenze acquisite

Come da art. 11 co. 4 del DPR n. 323/98, fermo restando il massimo dei 25 punti complessivamente attribuibili, il consiglio di classe, nello scrutinio finale dell’ultimo anno, “può motivatamente integrare il punteggio complessivo conseguito dall’alunno in considerazione del particolare impegno e merito scolastico dimostrati nel recupero di situazioni di svantaggio presentatesi negli anni precedenti in relazione a situazioni familiari o personali dell’alunno stesso, che hanno determinato un minor rendimento.”

 

Criteri di valutazione dei crediti formativi

I consigli di classe procederanno alla valutazione dei crediti formativi sulla base di indicazioni e parametri preventivamente individuati dal collegio dei docenti al fine di assicurare omogeneità nelle decisioni dei consigli di classe medesimi, e in relazione agli obiettivi formativi ed educativi propri dell'indirizzo di studi e dei corsi interessati.

Secondo la normativa, le esperienze che danno luogo all'acquisizione dei crediti formativi, secondo la norma vigente, devono essere acquisite, al di fuori della scuola di appartenenza, in ambiti e settori della società civile legati alla formazione della persona ed alla crescita umana, civile e culturale quali quelli relativi, in particolare, alle attività culturali, artistiche e ricreative, alla formazione professionale, al lavoro, all'ambiente, al volontariato, alla solidarietà, alla cooperazione, allo sport.

La documentazione relativa all'esperienza che dà luogo ai crediti formativi deve comprendere, in ogni caso, un’attestazione proveniente dagli enti, associazioni, istituzioni presso i quali lo studente ha realizzato l'esperienza e contenente una sintetica descrizione dell'esperienza stessa.

Gli eventuali crediti formativi (crediti extrascolastici) saranno valutati se acquisiti negli seguenti ambiti: 1. volontariato sociale, 2. cultura, 3. sport, 4. lavoro (in particolare per i privatisti) secondo i requisiti documentati qui di seguito elencati

 

 

 

 

 

Ambito

Requisiti documentati

 

Volontario sociale

- Durata di svolgimento dell’attività da almeno un anno.

- Assiduità dell’impegno nell’attività attestata nella certificazione dell’Ente.

- Descrizione dettagliata delle attività e/o dei compiti svolti e indicazione puntuale dei tempi.

 

 

 

 

 

Cultura

 

- Corsi di lingua straniera della durata di almeno un anno, certificati da scuola pubblica o privata, italiana o straniera, con attestazione di frequenza ed attestazione delle competenze acquisite. Le certificazioni concernenti le attività di formazione nel settore linguistico, ai fini della legalizzazione, devono essere rilasciate da enti legittimati a rilasciare certificazioni ufficiali e riconosciute nel Paese di riferimento. Tali certificazioni, in ogni caso, devono recare l'indicazione del livello di competenza linguistica previsto dall'ordinamento locale o da un sistema ufficiale di standardizzazione

- Corsi di musica o danza di durata almeno annuale, attestati da scuole pubbliche o private, con attestazione di frequenza rilasciata da enti legittimati a rilasciare certificazioni ufficiali e riconosciute nel Paese di riferimento.

- Ogni altro corso in ambito culturale di durata almeno annuale, con attestazione di frequenza ed attestazione delle competenze acquisite.

 

 

 

Sport

 

Se sport individuale:

- partecipazione ai campionati non amatoriali con tesseramento di federazione CONI o affiliate al Coni, con documentazione della presenza in lista per almeno un quarto delle gare programmate;

Se sport di squadra dilettantistico:

- partecipazione ai campionati federali, con documentazioni della presenza in lista per almeno un quarto delle gare programmate;

Se sport di squadra professionistico:

- partecipazione ai campionati federali, con documentazione della presenza in lista per almeno un quarto delle gare programmate.

 

 

Lavoro

 

Se lavoro dipendente:

- durata dell’attività di almeno 2 mesi, anche non consecutivi;

- inquadramento regolare ai sensi della vigente normativa e nel rispetto dei CCNL.

 

Se lavoro autonomo:

- non occasionalità della prestazione;

- attestazione della committenza circa l’attività svolta o la prestazione resa.